Tappa 2


Nel cuore dei Van de Zita

Van De Zita - Roberto De Pellegrin
Tappa 2

Rifugio Pramperet – Rifugio Bianchet

ATTENZIONE: Come comunicato dal CAI Veneto, dal 31 ottobre molti sentieri della zona risultano fortemente danneggiati dal maltempo. Vi consigliamo di NON PERCORRERLI fino a diversa segnalazione.
- Maggiori informazioni
  • 7:00
    ESTIMATED TIME
  • 11km
    DISTANCE
  • 800mt
    TOTAL CLIMB
  • 1400mt
    TOTAL DESCENT
Numeri utili
Rifugio Pramperet0437 1956153 Rifugio Pian De Fontana+39 0437 1956135+39 335 6096819Rifugio Furio Bianchet+39 335 6446975+39 0437 669226 Numero per emergenze112
Scarica la traccia

Una delle tappe più remunerative dell’Alta Via, si raggiunge la quota più alta di tutto il trekking con i 2400 metri della Forcella de Zita Sud.

Poche sono le persone che troverete sul percorso, solo qualche trekker dell’Alta Via 1, che passa proprio per questi sentieri, e molti camosci che a tutte le ore del giorno si possono ammirare lungo i ghiaioni dei Van.

una grandiosa attraversata circondati dai camosci

I Van de Zita, questi enormi e spettacolari valloni in quota dove guglie e gruppi di camosci ci fanno compagnia fino alla discesa verso il pulpito del Rifugio Pian de Fontana dove poter pranzare con gli ottimi piatti preparati dal cuoco e gestore Gavino.

Cambiamo nuovamente paesaggio e puntiamo poi verso sud con il gruppo della Schiara che si staglia di fronte a noi con la sua caratteristica guglia, la Gusela. Attraversando antichi pascoli d’altura ci immergiamo nella Val Vescovà dove raggiungiamo il Rifugio Bianchet.

Nel mese di giugno è spettacolare la gialla fioritura di maggiociondolo che ci accompagna in questo ultimo tratto fino al rifugio.

Descrizione tecnica

Lasciato il Rifugio Sommariva al Pramperét si segue il sentiero 514 fino a Portela del Piazedel (2097 m).
Da lì, seguendo gli ometti di rocce e tenendo il sentiero 514, si giunge agli splendidi circhi glaciali dei Van de Zità. Superate le forcelle Nord (2410 m) e Sud (2395 m) de i Van de Zità ci si mantiene sul sentiero 514 fino a scendere al Rifugio Pian de Fontana (1.632 m).

Nella discesa al Pian de Fontana prestare attenzione lungo il tratto ripido e leggermente esposto che ci porta fino al rifugio.

Lasciato il pianoro di Pian de Fontana si scende verso la Val de i Ross. Superato il torrente, al bivio si segue a destra il sentiero 514 fino a raggiungere la forcella La Varetta (1704 m) nelle cui vicinanze si trova l’omonima casera, ora adibita a bivacco (a destra sul sentiero 536 è possibile continuare sulla variante Casera La Varetta & Casera Vescovà).

Da qui con un tratto in leggera discesa traversiamo a sud est entrando nella Val Vescovà e raggiungiamo un bivio, dove tenendo la destra prendiamo il sentiero 518 che scendendo rapido nel bosco ci porta fino alla radura del Rifugio Bianchet.

Tappa che non presenta difficoltà tecniche, fino a metà/fine giugno possibilità di trovare ancora neve sui versanti nord dei Van de Zita.

Rifugi e punti di appoggio